Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Portal - Alexander Tucker (ATP)


Alexander Tucker - Portal
Voto:
Anno: 2008
Produzione:
Genere: rock / folk / psych



Certamente generata dall'humus dello psychedelic folk britannico ma non del tutto, la musica di Alexander Tucker crogiolo di stili che convergono e si addensano con estrema naturalezza.

La chitarra acustica, praticamente perennemente arpeggiata, la materia prima dalla quale il cantautore britannico, attraverso un sagace processo di manipolazione della forma, estrae gli otto affreschi di "Portal", suo terzo lavoro in carriera (il suo curriculum vanta per collaborazioni con Unhome, Papa M e Tom Greenwood dei Jackie-O-Motherfucker).

Dall'esordio "Old Fog" (2005) ad oggi, l'arte di Tucker andata sublimandosi tenendo sempre pi d'occhio limitrofi panorami sonori da perlustrare. innegabile che un certo "fare la Neurosis" pi ambientale ed isolazionista (con la benedizione dei lavori solisti dei due frontmen) si sia insinuato nell'oscuro mondo di "Portal", cos come insistente la presenza di drones che fungono da sostegno per ogni song. Il suo spirito un po' ancestrale potrebbe far affiorare alla mente Faun Fables, si sentono echi di lisergie sixties cos come reminiscenze settantiane sono palesi (John Martyn su tutti), potremmo pensare persino ai Popol Vuh per certe astrazioni quasi ascetiche, ma invero Tucker cammina saldamemte sulle sue gambe.

Le melodie vocali sembrano quasi nenie ("Omnibaron", uno dei pezzi forti), altrove sono pervase da un leggero disincanto ("Veins To The Sky"; "Husks") e tutte sono intrise da quel timbro quasi androgeno che disegna paesaggi dai contorni sfumati, dove le nubi si coagulano minacciose e colorano di grigio uno scuro mare selvaggio increspato da venti arroganti ("Bell Jars"). Il trip psicotico di "Portal" scava nella mente per giungere allo spirito, per rilasciare le scorie e purificare le zone d'ombra, una sorta di viaggio visionario con fini espiatori (l'ondeggiante ed interminabile "Here" potrebbe assurgere al ruolo di vessillo).

Ci si lascia trasportare senza inibizioni dal menestrello Tucker, autore di uno dei top album di questo 2008.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Omnibaron; Here; Bell Jars; Veins To The Sky.

Questa recensione stata letta 3053 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth

tAXI dRIVER consiglia

Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine