Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Pain Olympics - Crack Cloud (Meat Machine)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Crack Cloud - Pain Olympics
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Crack Cloud
Genere: rock / post-punk / art-rock
Scheda autore: Crack Cloud



Se devo pensare al suono del 2020 penso al post-punk. Rinato tra le pagine bandcamp e soundcloud ha finalmente visto l'esplosione in ogni angolo, conquistando platee e arrivando in territori fino ad ora inesplorati. Chi avrebbe detto che un genere morto nei primi anni 80 sarebbe tornato così prepotentemente in auge?

Crack Cloud sono canadesi e più che un gruppo è definibile un collettivo visto che oltre alla musica la band ha sviluppato un micro mondo mediatico a sè stante. "Pain Olympics" è il vero e proprio esordio dopo alcuni EP: prende le tipiche atmosfere post-punk oscure e apocalittiche e le innesta con arrangiamenti sbilenchi e scelte azzardate nel vero e proprio spirito "post" del genere. E' la versione meno pulita dei Black Midi: qui le soluzioni sembrano attaccate con lo sputo, lo scotch americano riciclato e la colla Pritt. Ed è quello il bello: questo strambo collage sonoro prende Gang Of Four, Wire, Talking Heads, li accartoccia, li strappa e li mette in un album di figurine di musicisti strambi.

Post-punk? Più post-apocalittico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Bastard Basket, Tunnel Vision.

Questa recensione é stata letta 148 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Secret Shame - Dark SyntheticsSecret Shame
Dark Synthetics
Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr