Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Crack Cloud - Pain Olympics (Meat Machine)

Ultime recensioni

Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity
Gnome - KingGnome
King
Cave In - Heavy PendulumCave In
Heavy Pendulum
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence
Aerial Ruin - Loss Seeking FlameAerial Ruin
Loss Seeking Flame
Fontaines D.C. - Skinty FiaFontaines D.C.
Skinty Fia
Helms Alee - Keep This Be The WayHelms Alee
Keep This Be The Way
Pyreship - Light Is A BarrierPyreship
Light Is A Barrier
King Gizzard & The Lizard Wizard - Omnium GatherumKing Gizzard & The Lizard Wizard
Omnium Gatherum
Dissolve Patterns - Dissolve PatternsDissolve Patterns
Dissolve Patterns
Mizmor - & Thou - MyopiaMizmor
& Thou - Myopia
The Lord - Forest NocturneThe Lord
Forest Nocturne
Mares Of Thrace - The ExileMares Of Thrace
The Exile
Keeley Forsyth - LimbsKeeley Forsyth
Limbs

Crack Cloud - Pain Olympics
Autore: Crack Cloud
Titolo: Pain Olympics
Anno: 2020
Produzione: Crack Cloud
Genere: rock / post-punk / art-rock

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Se devo pensare al suono del 2020 penso al post-punk. Rinato tra le pagine bandcamp e soundcloud ha finalmente visto l'esplosione in ogni angolo, conquistando platee e arrivando in territori fino ad ora inesplorati. Chi avrebbe detto che un genere morto nei primi anni 80 sarebbe tornato così prepotentemente in auge?

Crack Cloud sono canadesi e più che un gruppo è definibile un collettivo visto che oltre alla musica la band ha sviluppato un micro mondo mediatico a sè stante. "Pain Olympics" è il vero e proprio esordio dopo alcuni EP: prende le tipiche atmosfere post-punk oscure e apocalittiche e le innesta con arrangiamenti sbilenchi e scelte azzardate nel vero e proprio spirito "post" del genere. E' la versione meno pulita dei Black Midi: qui le soluzioni sembrano attaccate con lo sputo, lo scotch americano riciclato e la colla Pritt. Ed è quello il bello: questo strambo collage sonoro prende Gang Of Four, Wire, Talking Heads, li accartoccia, li strappa e li mette in un album di figurine di musicisti strambi.

Post-punk? Più post-apocalittico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Bastard Basket, Tunnel Vision.

Questa recensione é stata letta 428 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Lice - WastelandLice
Wasteland
Secret Shame - Dark SyntheticsSecret Shame
Dark Synthetics
Geese - ProjectorGeese
Projector
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr
Viagra Boys - Street WormsViagra Boys
Street Worms